Cayo Levisa: il mare di Cuba da non perdere.

Cayo Levisa - Cuba.

Il viaggio a Cuba è stato pieno di incontri, di colori, di musica, di sorrisi, di brindisi all’allegria. Ho amato quest’isola per molti motivi e, in sincerità, il suo splendido mare non è tra questi: Cuba è molto più che acque caraibiche e nel mio itinerario ho dedicato al mare solo tre giorni ma, tra i ricordi belli che conservo negli occhi, c’è senza dubbio anche la giornata trascorsa a Cayo Levisa, un tranquillo isolotto poco distante dalla costa occidentale circondato dalle acque piatte e turchesi del Mar dei Caraibi. Del resto anche il mare è una delle bellezze peculiari di Cuba e, lontano dalle zone invase dal turismo e dalla costruzione edilizia, è ancora possibile e piacevole trovare spiagge semi-deserte anche in periodi di alta stagione.

Cayo Levisa è stato il mio angolo di paradiso cubano e se nel vostro viaggio avete intenzione di visitare la parte ovest di Cuba e di godervi il mare lontano dalla confusione, vi suggerisco di non perderlo. Dimenticate spiagge dotate di ogni sorta di comfort: vi aspettano una lunga spiaggia bianca e selvaggia, un silenzio surreale e tanto relax. Per qualche istante mi è sembrato di essere alle isole Gili, anche se qua il posto è molto più selvaggio.

Cayo Levisa - Cuba.

Cayo Levisa – Cuba.

Cayo Levisa - Cuba.

Cayo Levisa – Cuba.

COME RAGGIUNGERE CAYO LEVISA?

Se non siete automuniti, potete raggiungere facilmente Cayo Levisa da Vinales, piccolo villaggio rurale immerso nelle piantagioni di tabacco, con un’escursione in giornata al costo di 39 CUC  (39 euro secondo il cambio a Gennaio 2017). Il biglietto comprende il viaggio di andata e ritorno con il pullman, il traghetto andata e ritorno per raggiungere Cayo Levisa e un panino per il pranzo; potete comprarlo all’unica agenzia turistica che c’è in paese (davanti alla piazza con la chiesa) o farvi aiutare dai proprietari della casa particular dove alloggerete: il costo è lo stesso e in ogni caso vi suggerisco di comprare il biglietto almeno uno o due giorni prima. Il viaggio da Vinales a Cayo Levisa dura circa un’ora e mezzo, inclusa la mezz’ora di traghetto. Si parte alle 8.30 di mattina con ritrovo alla fermata degli autobus davanti all’agenzia turistica e si ritorna a Vinales intorno alle sette di sera. Non sarete quindi da soli sull’isoletta ma ogni giorno arrivano solo due traghetti al mattino (non più di un centinaio di persone) quindi troverete sicuramente un ampio tratto di spiaggia tutto per voi o un lettino libero dove riposare, incluso nel costo del biglietto.

Portatevi l’essenziale, partite già in costume e ciabattine, ovviamente ricordatevi la crema solare visto che sull’isola ci sono solo un paio di ristoranti, alcuni semplici bungalow dove pernottare (se vi organizzate prima) e niente di più. Portatevi anche la maschera, se siete fortunati potete vedere un po’ di pesciolini; sulle guide c’è scritto che c’è un centro per fare immersioni, personalmente non ci ho fatto caso perchè non sono un’ appassionata di sub (anche se penso realmente che là sotto ci sia un altro mondo parallelo meraviglioso).

Cayo Levisa - Cuba.

Cayo Levisa – Cuba.

Nonostante la breve distanza in traghetto vi sentirete in un luogo molto lontano…Una volta sbarcati, percorrete il pontile immerso in acque cristalline popolate da pesciolini e coperto dai rami bassi di mangrovie che crescono rigogliose: in pochi minuti vi porterà fino al lato opposto dell’isola dove vi aspetta uno scenario caraibico che difficilmente scorderete. Spingetevi oltre i ristoranti che incontrate e raggiungete i tratti più estremi della spiaggia: vi sembrerà di avere quel luogo tutto per voi.

Cayo Levisa - Cuba.

 

Ps. Grazie a Martina della Libreria On The Road che mi ha fatto scoprire questo vero angolo di paradiso!

admin

Fiorentina. Scorpione ascendente Leone. Tre tatuaggi. Soffro di mal d'Asia. Curiosa, determinata e appassionata del mondo, amo scoprirlo insieme alla mia macchina fotografica con viaggi itineranti, possibilmente auto organizzati.

Related Posts
Habana

Discussion about this post

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *